11 Dic 2019

Liguria: trasporti secondari obbligo di gara. La Cassazione giudica "inammissibile" il ricorso ANPAS

 

Servizio sanitarioLa Corte di Cassazione giudica “inammissibile” il ricorso presentato da Anpas Liguria assieme ad altre 10 associazioni di volontariato che si erano costituite contro la sentenza del Consiglio di Stato n.1139/2018 con cui era stata annullata quella del Tar Liguria II Sezione n.512/2017.La Corte Suprema di Cassazione Sezioni Unite Civili ha messo la parola fine alla diatriba interpretativa sulle decisioni assunte dal Consiglio di Stato con sentenza n.1139/2018 ed ha condannato le ricorrenti, a rifondere, alla Italy Emergenza, le spese processuali.Il provvedimento, n.31758/19 assunto In udienza camerale, stabilisce che, il Consiglio di Stato, annullando la sentenza del Tar Liguria, ha operato correttamente, approvando la procedura a evidenza pubblica adottata dall’ASL n.5  Spezzino, per l’affidamento attraverso bando di gara: “dei servizi di trasporto pazienti nell’ambito dei presidi e stabilimenti aziendali e trasporto materiali sanitari vari intra e extra territorio aziendale”.La Cassazione ha anche stabilito che il C.d.S. muovendo dalla premessa che il bando impugnato ricadeva nell’ambito di applicazione del d.lgs. n.50/2016 e, per esso, nella direttiva unionale 2014/24/UE, ha ribadito come “l’affidamento diretto (si restringe) ai soli servizi di trasporto in autoambulanza che possono definirsi di emergenza. Ricordando come: la Corte di Giustizia Europea (ord. 20 giugno 2019 causa C-424/18) si era già pronunciata sulla nozione di “emergenza”nella causa C-465/2017 chiarendo come “il concetto di emergenza non coincide affatto con quello di emergenza-urgenza”.Respinta anche l’eccezione postulata sul principio di eccesso di giurisdizione da parte del Consiglio di Stato.Le eccezioni sollevate dall’avvocato cassazionista, Stefano Betti del Foro di Genova, che nei vari gradi di appello ha rappresentato la Italy Emergenza coop sociale, hanno trovato pieno accoglimento nella sentenza della Corte Suprema di Cassazione a Sezioni Unite. Soddisfazione anche da parte dei soci e dei lavoratori della cooperativa Italy Emergenza che per due anni ha chiesto con tenacia l’applicazione delle norme di diritto unionale e nazionale. 
di Elisa Fiore 

   Commenti


 
Altre news
Tutte le news