07 Ago 2019

Zingaretti, Policlinico Umberto I simbolo del fallimento Pd: malati ammassati

 

Mercoledì, 7 agosto 2019 - 15:16:00
Al pronto soccorso del Policlinico Umberto I pazienti ammassati in una
stanza e gli infetti “parcheggiati” nei corridoi. Forza Italia contro il
Governatore Pd
Guarda la gallery Facebook Twitter LinkedIn Flipboard WhatsApp Email Print[color=#000000] di Enza ColagrossoADVERTISEMENTIl Policlinico Umberto I nasconde i malati nel pronto soccorso. Attese, prima del triage, apparentemente sostenibili, ma i paziente una
volta superato questo primo step, vengono ammassati in uno stanzone e i
malati, già constatati infetti, divisi dagli altri con una tendina.
Forza Italia: “Questa la conferma del fallimento di Zingaretti”. Alle ore 10 l’accesso al pronto soccorso registrava 100 persone, e la gran parte era già da tempo in attesa della visita medica dopo il
triage. “Al Policlinico (come lo chiamano i romani, ndr), tutto sommato
la situazione è sotto controllo tanto che quando si verificano atti di
violenza verso i medici o infermieri, questo non avviene a seguito
dell’estenuante e lunghissima latenza in attesa di una diagnosi o di una
cura, ma solo perché spesso, oggi, questa struttura è diventata una
sorta di supporto sociale”. Ci spiega così Ferdinando Romano, Direttore
sanitario del Policlinico, portandoci poi come esempio il fatto che uno
dei soggetti coinvolti negli episodi di violenza degli ultimi giorno
aveva già collezionato ben 110 accessi nella struttura. Sempre secondo
il Direttore sanitario bisogna arrendersi all’evidenza che il pronto
soccorso è divenuto il solo accesso rapido all’erogazione dei servizi
sanitari.Difficile essere d’accordo con quanto affermato da Ferdinando Romano, perché la tanta gente ammassata, affetta dalle più disparate patologie
racconta altro, ed è pronta a sottoscrivere che dopo ore e ore d’attesa
“non dico che sia giusto aggredire i medici, ma le reazioni
incontrollate arrivano”, commenta una signora che, nella sala d’attesa
per i parenti, ci racconta che aspetta notizie del marito già da 5 ore.Questo incontro con il Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I l’ha voluto Antonello Aurigemma, presidente del gruppo Forza
Italia in Regione Lazio che, con Giuseppe Simeone, presidente della VII
Commissione sanità in Regione Lazio, ha deciso di rappresentare la sua
solidarietà a quei medici che in questi giorni hanno subito atti di
violenza e ha voluto poi rendersi conto di persona della reale
situazione in cui opera il pronto soccorso. “Vengo qui per porgevi la
mia solidarietà - ha detto Aurigemma incontrando medici e infermieri - e
voglio che i gesti di violenza avvenuti vengano condannati da tutti
perché ciò che temo è l’emulazione dei comportamenti. Nessuna violenza è
giustificabile, e meno che mai quella verso il personale medico che con
professionalità e dedizione lavora affrontando mille situazioni”.“Forse delle cose - ha aggiunto poi l’esponente di Forza Italia - andrebbero cambiate: penso al tipo d’accoglienza che viene data ai
pazienti, ma anche alla scelta di sistemi deterrenti, come
l’installazione di telecamere o di una guardiania armata presente
costantemente in pronto soccorso”. Aurigemma dopo aver attraversato
l’intera struttura guidato dal Direttore sanitario Romano ha poi
commentato: “Ritengo, dopo la visita di oggi, che la situazione che ho
trovato sia la conferma del fallimento delle politiche sanitarie
dell’amministrazione Zingaretti. Arrivando in questo pronto soccorso
sembra di essere calati sul set di 'Medici in prima linea' tutte le
problematiche vengono traslate in una stanza di decantazione. Ciò non
significa offrire un servizio dignitoso”.Chiunque di noi conosce le file estenuanti che si è costretti a fare quando si ha bisogno di un pronto soccorso. A livello nazionale per
rendere più veloce l’accesso alle cure sono stati introdotti nuovi
colori con cui al triage viene stabilità la gravità della patologia
d’entrata. Ora i colori sono cinque perché è stato introdotto
l’arancione e l’azzurro.È ormai legge da tempo anche un’altra cosa, che rende ancor più critica la situazione constatata dal Policlinico, ed è la normativa che
impone che il soggiorno nell’Osservazione breve del pronto soccorso deve
durare meno di 48 ore, poi il paziente deve essere o dimesso, se
l’acuzie è risolta, oppure deve essere sistemato in reparto per ricevere
le cure appropriate. Al Policlinico non si è parlato di questa
tempistica per la mancanza di posti letto che non coprono la richiesta
sanitaria del territorio.Ora, parlando più in generale dell’uscita dal piano di rientro della sanità del Lazio va ricordato che questa non è legata solo al fattore
economico, ma è previsto anche il rispetto di tutti i parametri
gestionali. Pertanto una situazione come quella del Policlinico Umberto
I, oltre a risultare pericolosa per i medici e pazienti, può
rappresentare un problema per l’intero sistema sanitario regionale. Commenti [list]

Fonte: AFFARI ITALIANI

   Commenti


 
Altra rassegna stampa
Tutta la rassegna stampa