11 Feb 2020

118 intraospedaliero, la Regione Toscana non lascia e raddoppia

 

NEWS118 intraospedaliero, la Regione Toscana non lascia e raddoppiaBy Emergency Live On Feb 9, 2020 Share[url=https://www.facebook.com/sharer.php?u=https%3A%2F%2Fwww.emergency-live.com%2Fit%2Fnews%2F118-intraospedaliero-la-regione-toscana-non-lascia-e-raddoppia%2F][url=https://twitter.com/share?text=118+intraospedaliero%2C+la+Regione+Toscana+non+lascia+e+raddoppia&url=https%3A%2F%2Fwww.emergency-live.com%2Fit%2Fnews%2F118-intraospedaliero-la-regione-toscana-non-lascia-e-raddoppia%2F][url=https://telegram.me/share/url?url=https%3A%2F%2Fwww.emergency-live.com%2Fit%2Fnews%2F118-intraospedaliero-la-regione-toscana-non-lascia-e-raddoppia%2F&text=118+intraospedaliero%2C+la+Regione+Toscana+non+lascia+e+raddoppia][url=https://pinterest.com/pin/create/button/?url=https%3A%2F%2Fwww.emergency-live.com%2Fit%2Fnews%2F118-intraospedaliero-la-regione-toscana-non-lascia-e-raddoppia%2F&media=https://www.emergency-live.com/it/wp-content/uploads/2020/02/118-soccorso-sanitario-logo.jpg&description=118+intraospedaliero%2C+la+Regione+Toscana+non+lascia+e+raddoppia][url=https://www.linkedin.com/shareArticle?mini=true&url=https%3A%2F%2Fwww.emergency-live.com%2Fit%2Fnews%2F118-intraospedaliero-la-regione-toscana-non-lascia-e-raddoppia%2F&title=118+intraospedaliero%2C+la+Regione+Toscana+non+lascia+e+raddoppia][url=mailto:?subject=118+intraospedaliero%2C+la+Regione+Toscana+non+lascia+e+raddoppia&body=https%3A%2F%2Fwww.emergency-live.com%2Fit%2Fnews%2F118-intraospedaliero-la-regione-toscana-non-lascia-e-raddoppia%2F]118 intraospedaliero, in Toscana un percorso che da linea guida si è fatto piano piano realtà.Era marzo di un anno fa quando la Regione Toscana pubblicava le [url=https://www.regione.toscana.it/bancadati/BURT/Contenuto.xml?id=32740]“Linee di indirizzo regionali per la gestione delle emergenze intraospedaliere-Rete clinica tempo dipendente Emergenza intraospedaliera Regione Toscana”.Ad esse seguivano delle necessarie [url=http://www.nbst.it/429-emergenza-intraospedaliera-linee-guida-toscana-sicurezza-pazienti-operatori-visitatori-interno-ospedali.html#]approvazioni normative, ed oggi è un sistema realmente presente.Perché, a voler essere precisi, il numero intraospedaliero sarebbe preesistente, ma il funzionamento non era armonizzato adeguatamente, a quanto fanno sapere in riva all’[url=https://it.wikipedia.org/wiki/Arno]Arno.L’obiettivo posto ha una propria ratio facilmente individuabile, quella di prevenire aggravi di quadri clinici trasportando il paziente in un nosocomio particolarmente adatto ad una patologia.[url=https://www.philips.it/healthcare/solutions/emergency-care-resuscitation]Esempio pratico: ricovero di persona con gravi difficoltà cardiorespiratorie in un ospedale prossimo alla [url=https://www.emergency-live.com/it/ambulanze/118-in-toscana-a-rischio-privatizzazione-anpas-croce-rossa-e-misericordie-vogliono-discutere-la-riorganizzazione-del-comparto/]chiamata 118, diagnosi del medico presente e trasporto di volata ad una struttura con eccellenza nel cardiologico.A Orbetello, per entrare nello specifico, l’emodinamica (la cardiologia interventistica non c’è), e se un paziente presenta un’arteria otturata è meglio inviarla all’ospedale di Grosseto.118 intraospedaliero: le vite che verranno salvateIl numero unico per le emergenze intraospedaliere, fa sapere il coordinatore e responsabile del gruppo di lavoro Matteo Nocci, dovrebbe intercettare e prevenire l’infarto a quaranta-cinquanta pazienti ogni mille al giorno.E mette in comunicazione tutti e 43 gli [url=https://www.emergency-live.com/it/equipaggiamenti/procedure-infermieristiche-in-emergenza-gli-algoritmi-del-118-toscana/]ospedali della Toscana, dal più grande al più piccolo: sono coinvolti cinquecento operatori, in grado di gestire la domanda d’[url=https://www.emergency-live.com/it/news/dentro-la-centrale-118-emilia-ovest-di-parma-come-sara-il-112-che-verra-in-emilia-romagna/]emergenza in tre o quattro minuti.Un passo avanti che faciliterà la vita, pare di capire, a chi opera per la salute di tutti noi. E la salverà a qualche poveretto. Un’ottima notizia, quindi.

Fonte: emergency live

   Commenti


 
Altra rassegna stampa
Tutta la rassegna stampa